Continua a fare male!

La Ceretta Approssimativa

12596598_10208734967876756_381453460_o(1)

Per la prima volta su la Ceretta Approssimativa una Riflessione tra Capo e Collo, così per portare il livello della discussione un po’ più in basso, che ad alta quota fa freddo, ci sono le slavine e noi siamo gente di mare che non si sa gestire in queste situazioni.

Lo chef consiglia di leggere questo post ascoltando “Stai andando bene Giovanni” di Giovanni Truppi.

Bene, avete messo su il pezzo? e allora proseguiamo, tanto è un fatto veloce dolce amaro che dimenticheremo tutti molto in fretta.

Da giorni sono perseguitata dal ritornello della canzone sopra citata: “Stai andando bene Giovanni, Dai che ce la puoi fare, Stai andando bene Giovanni, Continua a fare male! questo è un pezzettino del pezzo che vi ho detto di ascoltare, ad ogni modo, se non avete seguito le istruzioni sappiate che questo cantautore ha avuto da me stima e 6 euro di ingresso…

View original post 158 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Le dieci cose dal decalogo delle dieci cose che devi sapere per vivere appieno le 10 fasi (?!?) della tua vita

La Ceretta Approssimativa

10comandamentiIn questi tempi moderni che ci impediscono approfondimenti di qualsivoglia genere e natura, in questa rutilante routine che ci impone un uso del cervello pari allo 0,0001 % del cervello di Giletti, i blogger ci vengono in aiuto per dirimere ogni pregnante questione della vita in 10 punti.

Ma Grazie Assai! Perché veramente non avremmo saputo sopravviverCi* senza il Decalogo della Hot Water.

Ora, io ve lo preannuncio, sto storta, e credo di avere addirittura più di 10 motivi per esserlo, ma, poiché ho un cuore impavido e la sindrome di Candy Candy vi darò le mie tavole dei 10 comandamenti affinché riusciate a “uscirvene”** con style ostyle dai vostri psicodrammi tardo adolescenziali.

LE 10 COSE CHE DEVI SAPERE PER VIVERE UNA VITA PIENA, FELICE E RICCA DI GOOD VIBRATION

  • Se la persona che ti fa battere il cuore non te se ncula di pezza***, Desisti. Vuol dire che non…

View original post 607 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

La Ceretta Approssimativa

La Ceretta Approssimativa

La Ceretta Approssimativa è un progetto parallelo ad un progetto di vita principale che non è andato a buon fine.Nasce allo scopo di fornire a tutti gli utenti che non si rivedono nello stereotipo di persone alla moda e metropolitane (con una vita fatta di aperitivi, shopping e cure estetiche) un contributo sbagliato alle dinamiche della vita, attraverso un punto di vista provinciale, approssimativo e smaronato.
Ogni settimana ci sarà una nuova storia di vita vissuta male messa in grafica da una delle più grandi artiste non riconosciute, e sempre ogni settimana potrete contribuire a dar vita alle nostre Rubriche:

NICOLETTA-BIO2

Posta Indesiderata, la rubrica che risponde ai vostri drammi esistenziali con fastidio ed albagia.

NICOLETTA-stile ostile1

Style Ostyle, la rubrica che vi insegna ad essere fuori luogo in ogni dove.                                              …

View original post 70 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

La Ceretta Approssimativa

Cari tutti,

non paga delle mie riflessioni con una mia amica artista ci siamo lanciate in un nuovo progetto:

La Ceretta Approssimativa 

Accattatavill!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

in questo mondo prima o poi diventiamo tutti USB non riconosciute

Domenica mentre rotolavo nelle pieghe del divano come una foca monaca tediata e ammorbata, improvvisamente vengo traumatizzata da un big Booomm! fumo puzzoloso modello gioco di prestigio e olè! caricabatterie originale cinese scoppiato! che pareva una preview della festa di Santu Catiell! Costretta a sdivanarmi compio un gesto atletico e con scatto felino stacco I phonz dal mefistofelico filo rotto e controllo che Phonz abbia le vie respiratorie libere, gli misuro il polso e con odio atavico lancio nell’indifferenziata il caricabatteria della vergogna!

Attanagliata dalla domenicanza e dalla potenziale assenza di batteria telefonica mi lancio verso cassetti alla ricerca di un salvavita per Phonz.

Grazie alla mia malcelata tendenza ad emulare la piccola fiammiferaia con la sindrome da accumulo compulsivo, scopro con gaudio di aver previdentemente arrovogliato un filo phonzico di sicurezza! il filo della vita! il filo dell’ I Phonz!

 Parzialmente soddisfatta dell’operazione salvaPhonz, cado preda di uno dei miei imprevedibili attacchi di sommossa rivoluzionaria e di improvviso dico NO! in culo al sistema! non ricomprerò lo spinotto! Non sarò preda degli asiatici che poi ti vendono altri tremila inutili freschetti! NO! io attenderò zen che qualcuno mi regali una presa, io sarò immobile come Lana Del Rey e rispettosa dell’ambiente… Dunque non ho comprato lo spinotto e sono 3 giorni che accendo il pc solo per caricare il telefono, con notevole dispendio di energia e fastidi multipli.

Morale della favola il portatile mi è andato in pappa e ora la usb è per il mio sony UAIO misteriosamente sconosciuta.

Ricordo a me stessa, la vita va così, all’improvviso, di punto in bianco diventi una USB non riconosciuta.

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Il Cake Design e la pericolosa deriva mistica dell’artista annidato dentro ognuno di noi

Collaborazioni che mi glicemizzano il cuore!

Tavolo per due

tavoloper2_cake_design

Per molti anni la nostra esistenza è andata avanti, mediamente bene, tra dolci tradizionali e esotiche novità d’oltralpe; le nostre domeniche si sono spente tra pastarelle e shoux, le nostre feste rituali si sono infiammate con innocue torte mimosa e millefoglie senza che il tessuto sociale subisse strappi sostanziali o nascessero crisi interne e di governo.
In questo arcadico mondo dove il gusto aveva il sopravvento sulla forma, tutti noi ci siamo persuasi del fatto che una torta più che essere bella deve essere buona …
Da qui l’intero sviluppo del pensiero occidentale, le belle frasi sul valore dell’interiorità e la nascita di un numero X di banalità sulla differenza tra forma e sostanza.
Pare però che questa era di pace sociale sia ormai volta al termine.
Difatti in questi giorni moderni di Grande Bellezza se non festeggi un compleanno con una torta immangiabile al sapore di burro fuso e…

View original post 270 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Sul perchè sarei in grado di sfornare un cupcake anche contro la mia volontà

A questo mondo pare che solo le praline abbiano ancora un senso.

Per osmosi televisiva potrei cucinarvi un kg di cupcakes, red velvet glassati alla vaniglia all’essenza di ibiscus.

Potrei, ma non lo farò.

In primis perchè, secondo me,  fanno cagare, and last but not least perchè la vita non può essere affrontata con un leccapiatti tra i denti.

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Di come Ameliè Poulain ha rovinato una intera generazione di uomini e donne

miagolare(1)Leggo spesso frasi StrappaStoriaLacrima su fondo finto libro con carattere tipografico anticato, caratterizzate da errori gravi di consecutio temporum e finemente siglate da tizi i cui pseudonimi sono:

PincoPalloCuoreD’oro,DelusaMaFelice82,WithorWithoutYouVaBeneTheSame che già di per sè potrebbero causarmi un orticaria fulminante.

Tale umanità grafomane usualmente inneggia al valore delle piccole cose, ad arcadici ritorni ai valori tradizionali del volemose bene, all’importanza di questa o quella assoluta inezia che, non si sa perchè, sarà in grado di restituirci un umore brillante e una nuova e ringalluzzita gioia di vivere.

Personalmente la cosa che mi colpisce maggiormente non è tanto l’evidenza dell’esistenza  di persone in grado di produrre tali amenità piuttosto che queste amenità siano condivise, con tanto di faccine, da GoodFellas al solo scopo di sottolineare la differenza che c’è tra loro, esseri angelicati pregni di amore e superiorità, e tutti gli altri brutta gente.

In sintesi : Chi pubblica ste menate è una brava persona, tuttappost, con i valori che ci escono per le recchie, con un cuore tenero come un grissino, prive di rabbia e zen come dei bonzi al tramonto.

Tutti gli altri invece sono degli egocentrici stronzi rabbiosi e privi di self control.

Siccome io sono tutti gli altri , e c’ho la rabbia, sento il dovere di dare al pubblicatore tipo alcuni suggerimenti:

1) se devi scegliere una citazione, percaritàdiDio, prendine una già bell è fatta appartenente a qualche poeta di comprovata esperienza, lascia fuori dalla tua bacheca “piccola stella senza cielo”- “Disgraziata92” – “CicciputinLove” che non prendono un congiuntivo neanche a pagarli!

2) Non ci abboffare con : sorrisi di bambino, fiori, piante, volte celesti, amori disgraziati, piccole gioie della vita, piccoli fallimenti che ti rendono grande, piccole piccolezze che ti svoltano verso una visione piena e consapevole dell’esistenza.

3) Se proprio senti di dover condividere una bella frase del tipo: ” Tu meriti l’amore vero lascia andare chi non ti vuole perchè non ti merita, ricorda: il vuoto che senti oggi  sarà il tuo pieno di domani” beh sappi che chi non ti vuole già se ne è andato, senza richiedere alcuna tua autorizzazione e si, faresti bene a sperare che il pieno di domani sia riferito al carburante per l’auto.

In conclusione: non conosco un solo essere umano che non aspiri ad ottenere tutto, quindi, per piacere, prendetevele voi tutte queste piccole cose e lasciate a me tutto il resto!

Pubblicato in Uncategorized | 19 commenti

Il potere curativo di una capata in bocca cinematografica.

Pare che nel sentito comune risolvere un conflitto interiore attraverso l’ausilio di una testata in bocca sia un atteggiamento antisociale, aggressivo e deprecabile.

Quando stamattina in ufficio ho tenuto un breve seminario sulla bontà di un siffatto gesto consistente in pochi passaggi chiave : sorriso – capata- sangue dal naso- sorriso- sono stata subbissata da feroci critiche, ma io lo so che in fondo al cuore di ognuno di noi si annida un Begbie, un giovane Leonida, un sagace V, un tenero cucciolo di stronzo.

Nascondiamoci dietro a un dito, professiamo il “sii superiore” ma alla fin fine quando ormai non ci sono più parole per esprimere il proprio sdegno, quando le nostre profonde riflessioni cadono nel vuoto cosmico di un cervello avariato che felice ci canta a squarciagola AH AH AMM FOLLOVVV solo una capata in bocca può restituirci un briciolo di sana soddisfazione e  joie de vivre.

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo sognato di essere i protagonisti di una scena così, e quando la immaginiamo abbiamo anche 2 taglie in meno, siamo più alti e più belli e il mondo ci percepisce come dei fascinosi antieroi che solcano la strada portando con sè l’eco di giustizia e libertà.

Ora io mi chiedo perchè, se per validi motivi, lo fanno in un film è tuttappost anzi ci emozioniamo e galvanizziamo, mentre se la sogno io “la Capata Perfetta” non sono altro che una passiva aggressiva con tendenze schizzoidi. Eh ce li avrò anche io i miei buoni motivi! echecosè! e che mi sbatto così per puro amore della violence?  Ennò! pure io ho le mie sacrosante ragioni! io non faccio altro che lavorare per restituire un equilibrio karmico al mondo! perchè se è vero che: “Chi fa bene muore accis” e altrettanto vero che un calcio in bocca fa miracoli*!

In conclusione secondo me una capata in bocca è curativa, cura chi la dà perchè pur facendosi male si libera, e cura anche chi la riceve che ammagar capisc quant’ è bell a sculà sang.

Io continuo a sognare la capata perfetta, voi professate l’amore, abbracciate gli alberi e macerate dentro.

* Un calcio in bocca fa miracoli. Marco Presta. Einaudi Editore.

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

L’approccio a palla di fango per la risoluzione dei conflitti interiori. Ovvero: di come buttarla in caciara e vivere felici

Vorrei spendere qualche pregnante parola sul disagio interiore che anima la mia generazione, me, il mio cane e buona parte degli avventori di un noto bar posto in una nota località anche conosciuta come la piccola Stalingrado.

Consapevole del fatto che per la maggior parte della nostra giornata miagoliamo nel buio, come diceva il buon profeta di Quelo, credo sia opportuno condividere con il prossimo la mia rivoluzionaria metodologia di auto aiuto: La palla di fango per la risoluzione dei conflitti interiori.

Partendo dall’assunto che sin dalla notte dei TeMpli* l’uomo ha fatto di tutto per incartarsi il cervello al fine di rendere la sua vita un globo di frustrazioni, risentimenti e rodimenti di culo multipli e randomici, l’approccio PdF ** capta questa amara verità per combatterla con le sue stesse armi.

Ci hanno insegnato che bisogna individuare la natura dei propri problemi e lavorare sulla loro risoluzione… bene questo è l’errore madre di tutti gli errori! risolvi un problema e te ne trovi altri 100! per di più sono problemi nuovi che ti lasciano spiazzato, non è meglio dunque tenersi quelli vecchi, che uno poi si è pure affezionato.

Non sarebbe forse meglio buttare tutto in caciara?

La PdF lavora in questo modo:

Prendi le tue paranoie, mischiale fra loro creando delle indistinte palle di fango, pescane una a caso e fingi di trovare una soluzione a quel mix di sensazioni spiacevoli ed indistinte ed ecco qui! il gioco è fatto! non hai risolto proprio un bel niente di niente ma senti di avere il controllo sulla tua vita e almeno per una settimanella non allipperai il prossimo nella tua modalità paranoid android!

Esempi pratici:

PROBLEMA VERO: FOREVER ALONE

PROBLEMA IRRILEVANTE E CONFUSO A CUI CERCHERAI DI PORRE RIMEDIO COSI’ BUTTI IN CACIARE E MICA CE PENSI DAVVERO :

NON SONO IN FORMA, PRIMA ERO PIU’ FIGA PERCIO’ LA GENTE MI AMAVA, ED ORA NON MI AMA NESSUNO PERCHE’ HO UNA GRAVE INFEZIONI DELLE CELLULE, MEGLIO CONOSCIUTA COME CELLULITE, MA INVECE IO MI RICORDO CHE PRIMA ERO PROPRIO FIGA CON QUELLA GONNA NERA E I CAPELLI ARANCIONI ED ERO GIOVANE E CATTIVA, FORSE IL PROBLEMA E’ CHE SONO DIVENTATA BUONA TROPPO BUONA CHE INVECE ERA MEGLIO QUANDO ERO UNA IMPAREGGIABILE STRONZA CHE TUTTO MI ANDAVA PER IL VERSO GIUSTO, MA POI ADESSO CO’ STA ZUPPIERA CHE MI RITROVO COME FACCIO A FARE LA STRONZA? NON POSSO MICA PIU’ PERMETTERLO … E ALLORA DIVENTO ALMENO BUONA CHE, MAGARI TRASPARE CHE C’HO UN BEL CARATTERE, COSI’ NON SI VEDONO MANCO PIU’ LE SMAGLIATURE SECONDO ME. SI E’ COSI’ GRAZIE AL MIO BUON CARATTERE L’INFIAMMAZIONE DELLE CELLULE SFIAMMERA’, LA BONTA’ MI RIDARA’ BONTA’…

RISOLUZIONE DEL CONFLITTO:

Ti metti a dieta, quando sei alla Posta eviti di litigare con la qualunque, dici qualche parola gentile a caso, sorridi e invece di mandare a cagare dici: per me è un piacere!

Accussì in capa a te, tempo una settimana gli Astri ti regaleranno la meglio love story dello Universe. Ovviamente non hai risolto una beneamata minchia, non hai capito assolutamente perchè ti boicotti e per quali e articolati meccanismi continui a farlo ma se tutto va bene  per una settimana avrai 500 gr di grasso corporeo in meno e anche qualcuno in meno ca t’ schifa.

Provaci anche tu amicomì sarà un modo bellerrimo di trascorrere il tempo!

* Prima dei Templi miagolavano davvero nel buio.

** Palla Di Fango

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento