Differenze di genere: le contorte equazioni mentali dell’universo femminile

La migliore definizione di differenza di genere l’ho sentita in età pre-adolescenziale per bocca di un illuminato professore di matematica. Il succitato matematico (grazie al quale non ho imparato, ed ho continuato a non imparare negli anni un emerita minchia di matematica, forte del fatto che, comunque ci eravamo accordati per un B politico che mantenesse in alto le mie borghesi votazioni) esordì durante una lezione (chissà poi perché faceva filosofia invece e’ c’mparà a fà e divisioni) con testuali parole: “la differenza tra maschietti e femminucce è chiara già in giovane età difatti ai maschietti basta dargli un pallone in mano e si divertono per ore e ore a rincorrerlo, scalciarlo, buttarlo, inseguirlo, passarlo e ributtarlo mentre, alle femminucce per tenerle buone, devi fornirgli un set completo di Barbie e Ken accessoriati di tutto punto, la villa in campagna, la casa al mare, la decappottabile di Barbie,il maneggio dei mini pony, una sceneggiatura di Beautiful ed un buon motivo per montare su tutto sto circo equestre.”
Beh la riflessione era ed è inattaccabile: uomini e donne differiscono tra loro in contorsione mentale.
Pur sapendo di non dovermi scagliare contro il mio già bistrattato genere non posso fare a meno che concordare con il matematico: ciò che rende l’universo femminile un così bel luogo pieno di pippe mentali è certamente frutto della capacità tutta femminile di tirare, stiracchiare, rivoltare, e ripiegare qualsiasi riflessione al punto che ciò che all’inizio era indubbio e certo diventa improvvisamente oscuro e incerto e, per la maggior parte dei casi, molto offensivo.
Questo grande dono fa si che le donne riescano a produrre affermazioni con infiniti e sibillini sottotesti:
A= B + sarcasmo : cosa voleva dire veramente? X 2

 
Azz ma allora so brava in matematica!

Annunci

Informazioni su nicolesda

Seguace del divanismo culturale, fedele ai dettami dell'alfa privativa, ha come guide spirituali Ru Paul e Karen Walker. Scrive un blog al solo scopo di raggiungere un, del tutto improbabile, successo editoriale che le permetterà di realizzare il suo bieco sogno: lavorare un giorno a settimana (svegliandosi a mezzogiorno), perché c'è chi è nato per soffrire e chi, come lei, NO.
Questa voce è stata pubblicata in d d donna. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Differenze di genere: le contorte equazioni mentali dell’universo femminile

  1. N1colesda ha detto:

    Dedicato alla mia storica compagna di banco che di matematica di capiva una cifra!

  2. Samhuin ha detto:

    Aneddoto stupendo, davvero da segnare e risegnare!!!
    Sto ancora ridendo…:D

  3. N1colesda ha detto:

    Grazie Samhuin!
    ti assicuro che scoprire la dura realtà dell'universo femminile in così giovane età è stato per me motivo di lotta contro il luogo comune sulla psicofollia femminile, streotipo, peraltro, assolutamente vero…
    A presto su questi schermi dopo le 12.00 chiaramente!

  4. Samhuin ha detto:

    E certo, come vedi io sto scrivendo di (mio) primo mattino 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...