Easterya: il nuovo ordine sociale

Tutti noi (non so se proprio tutti noi ma ultimamente soffro di solitudine, quindi ci metto pure voi in un generico e falso slancio di amore per il genere umano) ci interroghiamo sulla reale necessità di aderire ad una sequela di riti ormai desueti, quali matrimoni, feste comandate, file alla posta, barismo cordiale ecc ecc.

Personalmente rifuggo le tradizioni ammantando scuse pret a porter che vanno bene per tutte le occasioni: è una tradizione borghese, sono atea, ho la uallera.

Ma tra queste tribali e barbare usanze io alla pasquetta aderisco con slancio, perchè nonostante la costante mal tempo, mal e panz e probabili  escoriazioni – distorsioni legate a gesti atletici post prandiali , la Pasquetta è un rito liberatorio con quel suo giusto mix di salutismo “abbraccio gli alberi” e “tossicismo” mi metto contro vento alla brace, arrotolo rustini nel tabacco  e brindo alla vita col Gragnano che scende sincero e risale incazzato.

La little easter o easterya è come la livella di Totò ci trova tutti uguali: assonnati , mal vestiti ed accessoriati di Super Santos. Le differenze economiche – sociali – culturali si sgretolano sotterrate da kg di Casatiello, supressate, carcioffole e vino di gragnano. Il nuovo ordine sociale si forma attraverso il superamento di prove rituali.  La prova del”Sacro Braciere”  segna l’ascesa del Leader Maximo “Colui che fa il fuoco” e con il “sacro fuoco” illumina le menti e i cuori dei gitanti assicurandogli caldo e cibo. La prova della “Salsiccia Primigenia” decreta l’ascesa del comandante delle forze armate, colui che dirigerà la logistica della cottura e l’ordine di approvvigionamento del cibo. C’è poi il “Pressure test” come a Master chef, prova che si basa sulla capacità di condire una insalata per ventuordici persone aiutandosi con 2 moncherini di forchettine di plastica, sale preso in prestito dai vicini di piazzola dopo superamento di barriere architettoniche e naturali, olio cuore da versare mentre si salta la staccionata e  combattimento con insetti kamikaze.

Ah Easterya! portami via!

Annunci

Informazioni su nicolesda

Seguace del divanismo culturale, fedele ai dettami dell'alfa privativa, ha come guide spirituali Ru Paul e Karen Walker. Scrive un blog al solo scopo di raggiungere un, del tutto improbabile, successo editoriale che le permetterà di realizzare il suo bieco sogno: lavorare un giorno a settimana (svegliandosi a mezzogiorno), perché c'è chi è nato per soffrire e chi, come lei, NO.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Easterya: il nuovo ordine sociale

  1. Naught ha detto:

    Bhaf, sempre meglio che vagare per Roma in visita a musei (con il cervello che invece era in visita ad una dimensione parallela!) =)

  2. cq ha detto:

    Mi stai facendo buttare il sangue e sentire a casa contemporaneamente. Grazie cara!

    • nicolesda ha detto:

      ma stai buttando fuori il sangue pazzo? quando ero piccola e mi sdrumavo in qualche dove, quando il sangue usciva rosso rosso (arterioso desumo) la nonna mi diceva: non ti preoccupare è sangue Pazzo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...