in questo mondo prima o poi diventiamo tutti USB non riconosciute

Domenica mentre rotolavo nelle pieghe del divano come una foca monaca tediata e ammorbata, improvvisamente vengo traumatizzata da un big Booomm! fumo puzzoloso modello gioco di prestigio e olè! caricabatterie originale cinese scoppiato! che pareva una preview della festa di Santu Catiell! Costretta a sdivanarmi compio un gesto atletico e con scatto felino stacco I phonz dal mefistofelico filo rotto e controllo che Phonz abbia le vie respiratorie libere, gli misuro il polso e con odio atavico lancio nell’indifferenziata il caricabatteria della vergogna!

Attanagliata dalla domenicanza e dalla potenziale assenza di batteria telefonica mi lancio verso cassetti alla ricerca di un salvavita per Phonz.

Grazie alla mia malcelata tendenza ad emulare la piccola fiammiferaia con la sindrome da accumulo compulsivo, scopro con gaudio di aver previdentemente arrovogliato un filo phonzico di sicurezza! il filo della vita! il filo dell’ I Phonz!

 Parzialmente soddisfatta dell’operazione salvaPhonz, cado preda di uno dei miei imprevedibili attacchi di sommossa rivoluzionaria e di improvviso dico NO! in culo al sistema! non ricomprerò lo spinotto! Non sarò preda degli asiatici che poi ti vendono altri tremila inutili freschetti! NO! io attenderò zen che qualcuno mi regali una presa, io sarò immobile come Lana Del Rey e rispettosa dell’ambiente… Dunque non ho comprato lo spinotto e sono 3 giorni che accendo il pc solo per caricare il telefono, con notevole dispendio di energia e fastidi multipli.

Morale della favola il portatile mi è andato in pappa e ora la usb è per il mio sony UAIO misteriosamente sconosciuta.

Ricordo a me stessa, la vita va così, all’improvviso, di punto in bianco diventi una USB non riconosciuta.

Annunci

Informazioni su nicolesda

Seguace del divanismo culturale, fedele ai dettami dell'alfa privativa, ha come guide spirituali Ru Paul e Karen Walker. Scrive un blog al solo scopo di raggiungere un, del tutto improbabile, successo editoriale che le permetterà di realizzare il suo bieco sogno: lavorare un giorno a settimana (svegliandosi a mezzogiorno), perché c'è chi è nato per soffrire e chi, come lei, NO.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a in questo mondo prima o poi diventiamo tutti USB non riconosciute

  1. fracatz ha detto:

    e fa bene a tirarsela, mica vorrai che la usb si faccia infilare qualsiasi chiavetta senza nemmeno una rimostranza!
    Però che delinquenti, d’altronde si tratta di fornire solo una tensione continua tenendo ben distinti il + ed il meno, solo 2 fili, ed invece di avere tutti lo stesso attacco, costringono il consumatore gaudente ad avere in casa centinaia di caricatori, solo per questo andrebbero puniti, bisognerebbe comprare solo aggeggini che abbiano lo stesso plug e comprare a parte l’alimentatore qualora uno ne avesse bisogno, adesso con Renzi anche questo si sistemerà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...